giovedì 11 settembre 2014

L'indice FAO dei prezzi alimentari al minimo quadriennale

Dopo cinque mesi di discesa continua, l'indice FAO dei prezzi alimentari ha raggiunto il livello più basso da settembre 2010, a causa soprattutto delle buone condizioni meteorologiche che hanno spinto al rialzo le rese cerealicole mondiali. Anche i prodotti lattiero-caseari giocano la loro parte nel mantenere basso il valore dell'indice, avendo subito una riduzione dei prezzi del 18,9% nell'ultimo anno, grazie a un'offerta abbondante e ad una ridotta domanda per l'importazione, complice anche il blocco delle importazioni imposto dalla Russia.
I prezzi di grano e mais sono ai minimi degli ultimi quattro anni, mentre il prezzo del riso, in controtendenza, sta proseguendo un trend positivo, spinto da motivazioni meteorologiche, politiche e di disponibilità commerciale.
Le stime di produzione 2014 per grano e mais sono inoltre state riviste al rialzo, prevedendo una produzione mondiale complessiva di poco inferiore al livello record dello scorso anno. Come risultato di due ottime annate consecutive, si prevede che le scorte di tutti i principali cereali raggiungeranno il livello più alto degli ultimi 15 anni (616 milioni di tonnellate).

Fonte: FAO

Nessun commento:

Posta un commento