venerdì 5 settembre 2014

Scorte di cereali mai così alte dal 1988

Secondo le proiezioni dell'International Grain Council, le scorte di cereali nel mondo hanno raggiunto livelli mai visti dalla campagna 1987-88, dopo che il livello delle scorte di mais è stato ritoccato al rialzo di 3 milioni di tonnellate, grazie alle cresciute aspettative di resa nei confronti di Brasile, Unione Europea e Ucraina. Le scorte di mais sono in crescita di 17 milioni di tonnellate rispetto allo scorso anno (la crescita più alta degli ultimi 27 anni) e sono stimate ad un valore complessivo di 190 milioni di tonnellate.
Le aspettative di resa sono cresciute notevolmente durante il mese di agosto, grazie ad un clima favorevole che ha favorito le coltivazioni di mais dell'intero emisfero nord, Stati Uniti inclusi, in cui si attende una produzione record.
Negli USA, il 73% della superficie a mais è giudicata "buona" o "eccellente" dalle statistiche dell'USDA.
Una simile situazione è senza dubbio favorevole agli agricoltori sul fronte della produzione, ma sta causando un continuo declino dei prezzi della commodity che potrebbe vanificare ogni incremento reddituale per le aziende agricole. Per alcune di esse il prezzo di mercato potrebbe divenire perfino inferiore al prezzo di produzione, trasformando così un'ottima annata, in una perdita netta.

Fonte: AgWeb

Foto: Flickr

Nessun commento:

Posta un commento